Ducati.it

Diventa socio Ducati Sardinia DOC

Ciao Filippo

L'ultimo saluto. 16 OTT 2016

Perdere un amico è come ricevere un pesantissimo macigno che schiaccia l’anima. E’ dura affrontare l’amarezza e la frustrazione di vederlo per l’ultima volta e accompagnarlo nel percorso finale. I sentimenti si accavallano fra una lotta delle paure personali di ognuno di noi nell’affrontare la realtà mentre il pensiero corre alla ricerca di motivi per i quali tutto non sia vero, che sia un brutto sogno, che non sia possibile.
Eppure è così e ciò che è accaduto non si può cambiare. Perdere una persona a cui vuoi bene è come uno spreco di una vita, in alcuni casi in particolare. A volte puoi scegliere il tuo futuro e a volte no, a volte sono le circostanze o la casualità di essere nel posto sbagliato nel momento sbagliato. Le scelte fanno la differenza di sicuro e gli amici possono aiutarci ma……solo dentro di noi possiamo e dobbiamo trovare la forza di andare avanti. Filippo poteva fare e dire ancora tanto.
Ogniuno di noi lo ha salutato a suo modo. Chi toccando la moto con cui amava andare in giro e vivere le sue più belle avventure, chi appoggiando le mani sulla bara all’ultimo saluto, chi in camera mortuaria con una preghiera, ecc ecc.
Filippo in tutto questo e in questa immensa sofferenza ci insegna ancor di più a proteggerci e volerci bene, ad usare la nostra vita in modo giusto e senza perderci in percorsi apparentemente più semplici ma che nascondono terribili insidie, ad amare la propria famiglia.
Filippo amava la vita e programmava un futuro, era affettuoso e gentile, composto nel momento giusto e pronto alla baldoria quando era possibile. Una persona che per noi è sempre stata rispettosa, posata, regolare e di compagnia! L'altruismo non gli mancava e lo dimostrava sempre. Per qualche motivo qualcosa si è rotto e l’epilogo è stato il peggiore. Nessuno di noi si è accorto, nessuno di noi ha capito, nessuno ha compreso la tragedia che stava accadendo.
Nel male ricordiamoci della fortuna che ancora abbiamo, la vita è la nostra immensità, è una possibilità di fare e costruire, di affrontare i problemi ma anche di vivere le emozioni e la gioia di una vittoria personale che passa comunque da sforzo, fatica e sofferenza.
Il nostro ringraziamento, abbraccio e condoglianze vanno ai familiari e chi amava Filippo in modo più profondo. Lui ha lasciato in tutti noi bellissimi ricordi ed è stato ben voluto come si è visto dalle tante persone presenti al funerale.
Sono certo porteremo con noi per sempre una parte di lui.

DUCATI SARDINIA DOC STAFF