Ducati.it

Diventa socio Ducati Sardinia DOC

Ultime News

01.05.2019

Ducati Vs Vespa in pista (07/07/19)

Pista e strada, lo prima prova totale!

WDW - World Ducati Week 2014 (RECENSIONE E VIDEO)

18/20 Luglio 2014 - Misano Adriatico

WDW 2014 – Misano Adriatico (Circuito dedicato a Marco Simoncelli)
Si Scrive World Ducati Week, si legge passione estrema unita ad una esperienza senza precedenti!
 

I NUMERI
Ben 65.000 le presenze in circuito nell'arco delle tre giornate, 10.192 i giri in pista effettuati in totale da auto e moto, 72.000 foto scattate dai fotografi dello staff Ducati, 56 nazioni di provenienza dei 65.000 partecipanti 200 metri lineari di BBQ durante la "rustida" sulla pit-line del Misano World Circuit, 60 bagnini della Riviera Romagnola e 25 dirigenti Ducati hanno cucinato piadina e salciccia durante la "rustida" per il pubblico 58 differenti attività svoltesi in pista nelle tre  giornate, 18'e 20 " il tempo che il serpentone di moto Ducati ha impiegato per uscire dal Misano World Circuit "Marco Simoncelli" per formare la parata di moto pe Riccione, 600 partecipanti e otre 13.000 quiz (ovviamente a tema Ducati) nei tre giorni di "Caccia al Tesoro , 7.000 i contributi digitali pubblicati su wdwlive.ducati.com nei tre giorni, 11 i titoli iridati al via della Drag Race by Tudor (4 WSBK, 2 Susperstock, 2 Supersport,  2 Motomondiale 125, 1 Motomondiale 250) + 4 titoli italiani (2 Superstock e 2 Superbike), 50 i Monster 821 guidati da altrettanti dipendenti durante il Racetrack Show, Oltre 700 test ride fatti sempre con il nuovo Monster 821, 118 i Presidenti D.O.C. presenti (tra cui il Ducati Sardinia DOC, provenienti da 26 nazioni, 38 ore di diretta sulla WDW TV, 360 minuti di streaming live sul canale youtube di Ducati, 16 pneumatici Pirelli "Diablo Rosso II" messi completamente sulla tela per i burn-out al termine della "Diavel Drag Race by Tudor", Nell'area Scrambler, in 35 ore di attività:, 4.000 persone hanno visto il nuovo Scrambler Ducati, Sono state giocate 3.500 partite di ping-pong e biliardino, Regalati 20.000 braccialetti e 6.000 spille Scrambler, 3.000 baffi finti e 3.000 collane di fiori distribuiti durante lo "Scrambler beach party" , 803 T-Shirt vendute (prodotte in edizione limitata), 20 in totale le ore di musica "live" suonate dai "Recrive", 240 i giornalisti presenti (130 italiani e 110 stranieri)! Ecco alcuni dei numeri di questa edizione a cui la Sardegna era presente con grande successo di pubblico e non solo……..
 

L’ESPERIENZA
Il WDW 2014 è stato l’ottava edizione dell’evento mondiale targato DUCATI che ogni due/tre anni regala forti emozioni, sempre diverse, mantenendo intatto lo stile, il carattere e la passione che accomuna i veri Ducatisti che vi partecipano. L’avventura del Club Ducati Sardinia DOC ha visto un sapiente ed instancabile lavoro di programmazione dello Staff che ha portato al moltiplicarsi delle adesioni rispetto alle precedenti edizioni e al render indimenticabile l’esperienza a tutti i partecipanti. La base del club è stata situata strategicamente a 5km dal circuito, 200m dal centro storico e 400m dal lungomare.
La riviera romagnola ci ha visto in azione dal giovedì 17 al lunedì 21 luglio. Due i gruppi di viaggio. Il Primo gruppo, guidato dal presidente Francesco Usai e dal vice Giorgio Serci, partiva il Mercoledì 16 da Cagliari con destinazione Civitavecchia.
Il Secondo gruppo formato da: Giordano Loi, Simone Loi, e Daniela Saba ed alcuni altri soci partiva sempre il Mercoledì 16 da Olbia con destinazione Livorno per poi incontrarsi lungo strada (a Firenze ) con Claudio Piano e Simone Parente che ha guidato la spedizione alla meta. Il resto dei soci, Paola Tiddia e Roberto Becciu, Davide Raviglione e Paolo Forteleoni hanno raggiunto la destinazioni separatamente.
All’arrivo alla Riviera, già dal primo mattino e successivamente ininterrottamente fino a notte fonda, per le strade rimbombava il suono delle frizioni a secco, degli scarichi e del motore bicilindrico desmodromico, l’aria che si respirava era carica di energia, di allegria e di festa, sembrava di stare al centro del mondo e che il tempo si fosse fermato. Lungo le strade, striscioni, bandiere e magliette rigorosamente DUCATI ci davano la sensazioni di aver colonizzato quella terra.
Subito, la prima sera del giovedì stesso, Ducati ha organizzato una cena di gala riservata ai presidenti al fine di rappresentare il club all’evento simbolo del Desmo Owners Club, il World President Meeting. Alla cena, in una location d’eccezione a due passi dal circuito, c’è stato l’incontro più atteso e volto a condividere idee, rapporti, esperienze del mondo dell’organizzazione dei club. Infatti la famiglia DOC si sta espandendo sempre più, grazie ad un generoso e costante lavoro da parte di DUCATI, ed erano tanti i volti nuovi alla cena.
Ancora una volta è stato fantastico incontrare tanti amici che purtroppo possono condividere il tempo con noi solo in questo genere di occasioni; ma la cosa inaspettata è stata il vedere quanta gente segue con grande interesse nostre attività, riconoscendo il notevole lavoro e cura dei dettagli che c’è alle spalle di ogni singolo evento o semplice uscita. In molti casi ci conoscevano già grazie alla stampa nazionale o internazionale oltre che tramite il web.  Superata la cena, il gruppo intero si è trasferito nel locale Dolce Vita, simbolo della Crazy Life Ducati by night fino all’alba.
Il Venerdì infatti si avevano solo 3 ore di sonno all’attivo ma dopo pochi minuti il gruppo era già pronto a partire verso l’hotel del WPM (a Gabicce Mare) dove era fissato un incontro con Ducati per sfilare uniti verso il circuito di Misano Adriatico.
Oltre 100 moto scortate dallo staff Ducati si snodavano tra le curve e i rettilinei della riviera adriatica interrotte solo da una breve sosta per fare alcune foto caratteristiche per un servizio stampa ufficiale con i presidenti dei DOC del mondo e vari altri partecipanti, tra cui noi della Sardegna.
Al Circuito di Misano le TV e gli appassionati ci aspettavano e osservavano mentre il fiume di moto attraversava trionfale i portali d’accesso e suonava la carica per la conquista del paddock.

In questa edizione è stato triplicato lo spazio dedicato a soci dei club DOC allo stand ‘’International Village’’  ed è stata creata una zona vintage dedicata alla presentazione in anteprima del nuovo  Scrambler.
Sparpagliati, non a caso, su tutta la superficie del paddock c’erano anche gli stand : il "Ducati Caffe" dove alcuni nostri soci si sono cimentati nelle gara di smontaggio e montaggio motore; il "Superbike Village" con tutte le moto che hanno fatto la storia sportiva di Ducati e il dettaglio di una nuova regina, la Panigale 1199 Superleggera; il "Monster World" dove un intera parete era dedicato alle foto del concorso sul Monster Style tra cui compariva quella del nostro socio Marco in occasione dell’esclusiva visita alle frecce tricolori; l’immancabile "Ducati Garage Contest" dove i nostri gemelli Loi hanno mostrato le loro nuove e fantastiche creazioni; due ampi spazi dedicati alle AUDI sportive dove con poco si poteva mangiare e bere una buona birra tedesca; tantissimi altri stand storici, tecnici, racing and fun.
Il paddock si riempiva sempre più di moto e appassionati mentre il sole cocente metteva in difficoltà i tanti che per godere di un po’ di refrigerio si concedevano una passeggiata di fronte il cannone ad acqua nebulizzata, vero e proprio oggetto di divertimento e ristoro!
Nella pista si alternavano turni agguerriti in moto dei tanti ducatisti, esibizioni del Ducati Stunt Team del grande Emilio Zamora e test passeggero delle Lamborghini e Audi.
In pista quella mattina hanno girato il nostro presidente Franz, i gemelli Simone e Giordano Loi e Stefano Sanna al fine di aprire le danze e testare le moto in vista delle giornte clou!
Non solo pista però, infatti una parte del gruppo si è dedicata ai tour autonomi tra Coriano, San Marino e Tavullia mentre gli altri si dedicavano all’esplorazione delle tante attrattive proposte da DUCATI.
Nel pomeriggio si è tenuta la semifinale del Diavel Drag Race by Tudor dove i piloti ufficiali, quelli dei team partner e storici, si sono dati battagli in una gara di accelerazione sul rettilineo del circuito.
Il beniamino del popolo ducatista Troy Bayliss, già vincitore della precedente edizione del 2012 ( battendo in finale Valentino Rossi ) non era in gran forma e il trionfatore a fine giornata è stato Régis Laconi.
Il sole calava e in tanti si preparavano al corteo di moto che partendo dal circuito sarebbe terminato all’evento notturno Scrambler Party a Riccione.
La discoteca all’aperto che ospitava l’evento ‘’Scrambler Party’’ era stata allestita in stile vintage e curata in ogni dettaglio da DUCATI che, per rendere la serata ancora più memorabile, ha fatto partecipare tutti i piloti ufficiali e storici alla festa.
Il Ducati Sardinia DOC è stato ospitato nel privè e ballando sui tavoli con agli amici del Desmo Vox Club di Castellanza (VA) e i piloti del mondiale SBK e GP.
La lunga giornata si è conclusa con l’arrivo in hotel attorno alle 4; non prima di una sosta al locale Dolce Vita di Misano Adriatico dove sembrava esser passato da poco un tornado ( vista la confusione).
 

SABATO
L’arrivo in circuito la mattina presto con il paddock quasi pieno faceva facilmente intuire quanto sarebbe stato affollato quel giorno. Espressioni tese e emozionate si affiancavano a quelle determinate e concentrate mentre alcuni ragazzi confermavano al box il loro turno in pista.
Quel giorno il rovente asfalto del circuito di Misano avrebbe fatto da palcoscenico ai piloti DOC : Francesco Usai, Giorgio Serci, Simone Parente, Alessandro Molino, Pier Mauro Simbula, Francesco Vacca, Matteo Zucca, Alessandro Porta, Fabio Cannas.
Il paddock straripava di moto e le tribune erano piene di appassionati pronti a dare la carica a i piloti che battagliavano sul circuito. Nel pomeriggi si è svolta la finale della Diavel Drag Race dominata nuovamente da Laconi che si è aggiudicato il primo posto di questa seconda edizione. Il programma di Ducati per la serata prevedeva una sfilata libera nel circuito a cui hanno partecipato in migliaia e la mega grigliata ( da circa 300 m ) nel Paddock.
Il DOC Sardinia era presente, affianco alla pista, per un gemellaggio con gli amici del DOC Desmo Vox e  del DOC Sud Africa.
Mentre tutti erano allegri e festanti, i presidenti di club, erano visibilmente curiosi ed emozionati all’idea di doversi presentare in circuito nel dopo cena, sotto convocazione di Ducati, per una sorpresa. Quella notte il grande evento si è svolto in circuito di fronte le tribune laterali che in poco tempo sono state prese d’assalto dagli appassionati. Non era facile trovare posto ma fortuna volle che la venne dato libero accesso al lato della tribuna dedicato alla stampa che era perfettamente orientato verso il centro del palcoscenico improvvisato nel circuito. Di fronte le tribune c’erano dei grossi Tir con gli schermi lcd sui rimorchi che proiettavano il benvenuto nelle principali lingue del mondo.
La festa iniziò con un gruppo di percussionisti e un esibizione danzante con il fuoco poi, subito dopo, una performance al buio degli stunt man che per l’occasione indossavano delle tute con luminescenti.
Il boato del pubblico entusiasta delle esibizioni ha accompagnato l’ingresso dei presentatori che hanno dato il benvenuto alla grande notte Ducati.
La serata è andata vanti con la presentazione delle nuove Monster 821 che per l’occasione hanno sfilato e rombato nel circuito guidate dai meccani ed a sorpesa dall’AD di AUDI che insieme al’AD di DUCATI Domenicali hanno salutato e gasato la folla con le loro dichiarazioni.
Dopo qualche minuto è stato il turno dei presidenti dei club DOC del mondo che, annunciati dai presentatori mentre sfilavano a piedi, sventolavano fieri le loro bandiere di fronte il muro umano di appassionati che facevano tremare le tribune mentre salutavano i loro leader.
Un momento che il Presidente del DOC Sardinia ha definito: "Un muro umano, l’emozione dell’applauso degli amici e degli appassionati ti fà vivere la passione con il trasporto e il cuore…un piccolo paradiso per l’anima…un mix tra adrenalina e commozione nel vedere il risultato di anni di sacrifici…."
La serata è andata poi in crescendo con l’arrivo dei piloti ufficiali dei Racing Team: MotoGP Andrea Dovizioso e  Cal Crutchlow ( Team ufficiale) , Andrea Iannone e Yonny Hernàndez ( Team Pramac ); SBK Chaz Davies e Davide Giuliano ( Team ufficiale ), Niccolò Canepa ( Team Altea ); STK e CIV Ivan Goi, Manuel Poggiali, Leonard Mercado e Ondre J Jezek ( Team Barni ); CIV Matteo Baiocco ( Team AP Racing ); STK Fabio Massei e Alex Schacht ( Team EAB ).
A rendere il palcoscenico ancora più speciale è stata la presenza dei piloti  storici e leggendari quali; Troy Bayliss, Carlos Checa, Pierfrancesco Chili, Ruben Xaus. Giancarlo Falappa e the king Carl Fogarty.
Il vero spettacolo, come affermato in tanti, erano i ducatisti che coprivano le tribune con i colori delle loro magliette e della loro passione.
Dopo gli ultimi saluti, DUCATI ha regalato a sorpresa un finale esplosivo con due batterie di fuochi d’artificio a ritmo di musica che hanno tenuto tutti con la bocca aperta e il naso all’insù per lo stupore.
Alla fine dei fuochi, giusto il tempo di accogliere il presidente Francesco, ci si è spostati ancora una volta alla Dolce Vita di Misano dove la festa è continuata fino al mattino.
Le forze dell’ordine del piccolo paesino della riviera romagnola erano in grande dispiegamento e deviavano il traffico delle auto sulle arterie principali lasciando libero alle moto di raggiungere il noto locale.
Quella notte migliaia di persone occupavano la strada di fronte il locale facendo baldoria, rumore e giocando allegramente ; sembrava di stare in un altro pianeta.
Quella notte decine di gomme, di frizioni e di motori sono stati sacrificati per puro spettacolo nel delirio più totale. La serata infatti apparteneva ai coloratissimi, vivacissimi e appassionati abitanti del pianeta rosso, i Ducatisti !
Non è stato facile lasciare quel luogo e quell’atmosfera unica ma la mattina seguente ci aspettava un'altra giornata intensa di WDW ed era necessario riposare almeno qualche ora per affrontarla al meglio.


DOMENICA
Con meno fretta rispetto ai giorni precedenti, il gruppo ha varcato i cancelli del paddock per posizionarsi nell’ormai punto d’incontro fisso dell’International Village. Quella mattina nel nastro d’asfalto del circuito avrebbero dato battaglia i soci Marco Anedda, Efisio Cinus, Francesco Vacca, Simone Pistis e Matteo Zucca. Essendo l’ultimo giorno, più ci si avvicinava al pomeriggio e più persone lasciavano il circuito per tornare alle proprie realtà. Molti stand venivano già smontati e nel paddock gli ultimi reduci si dividevano tra l’area Pit Stop Audi e la Scrambler Zone.
Superate le 18 del pomeriggio l’atmosfera era surreale e dava una sensazione di dispiacere nel ricordare che la festa stava finendo e vedere il paddock vuoto era quasi strano dopo la tanta attività dei giorni prima;
Attorno alle 20 una parte dei soci si è recata a San Marino guidati da Paolo Forteleoni mentre i restanti si sono diretti ad un apericena last minutes organizzata da DUCATI per i ragazzi del WPM in centro a Cattolica.
La festa che ci aveva accompagnato per 3 lunghi giorni era ormai un dolce e indelebile ricordo anche perché tutte le avventure hanno un loro inizio ed una fine, l’importante è viverle, esserne parte, non rinunciare mai all’essere travolti dalle emozioni. A notte inoltrata il gruppo si è riunito nuovamente per un breve aperitivo in relax prima di andare a riposare e rifare la valigia per il viaggio di rientro.
Nonostante un nubifragio vero e proprio il gruppo è arrivato sano e salvo all’imbarco della nave. Le avventure indimenticabili infatti sono fatte anche di imprevisti che, se affrontati con il giusto spirito positivo e con determinazione, le rendono ancora più speciali.

Il DOC Sardinia, guidato dallo staff, ha saputo rendersi protagonista di questo World Ducati Week 2014 in tutte le occasioni.
Il piacere più grande di questa esperienza è stato il riscontro generale internazionale. Infatti l’isola si è distinta attraverso il Club facendo conoscere sempre più le bellezze della natura, le costiere stupende e il piacere della guida immersa nei paesaggi paradisiaci, l’organizzazione dei nostri eventi ecce cc. Il tutto è stato sempre seguito ed apprezzato dalla World Community DOC e da DUCATI stessa per le iniziative uniche, il carattere e la presenza fissa agli eventi di spicco ha riconosciuto il grande lavoro di passione e impegno che ha reso possibili 10 anni di successi. Incredibile vedere appassionati mai visti prima che chiedevano le foto con i nostri membri dello staff quasi come per i piloti più blasonati. Gli applausi in pista, le belle parole e infine……una telefonata a fine WDW direttamente da Bologna. Infatti la stessa DUCATI nel 2015 dedicherà alla Sardegna una grande sorpresa e renderà omaggio alla nostra isola con un evento unico……ed un privilegio MONDIALE. Ducati Sardinia DOC si prepara e lavora già per la prossima avventura.
Un esperienza indimenticabile che cambia la vita a chi vive la passione Ducati DOC a 360°, l’amicizia, l’etica e l’unione portano sempre a grandi risultati. See you soon at the WDW 2016 and WPM 2015……. !
 

DUCATI SARDINIA DOC STAFF