Ducati.it

Diventa socio Ducati Sardinia DOC

Ultime News

01.05.2019

Ducati Vs Vespa in pista (07/07/19)

Pista e strada, la prima prova totale!

12 TEST DAY & 2 TROFEO CLAUDIO CHIODINI (8 CHALLENGE)

Ecco cosa accaduto!!!!!!

12° Ducati Test day & 2° Trofeo Claudio Chiodini (8° Challenge), 30 Settembre e 1 Ottobre 2017 - RECENSIONE

Edizione delle emozioni ancora più forti degli anni precedenti. Forse ci siamo abituati male, quando pensi che hai fatto un buon lavoro, l’anno successivo scopri che le concomitanze possono portare ad un ulteriore passo avanti, a volte anche oltre le previsioni! Ancora si è registrato il tutto esaurito sia per il Challenge che per i Test Day e, vi possiamo garantire, abbiamo fatto il possibile per dare la possibilità a tutti di godere di questo evento. Purtroppo, con grande dispiacere, abbiamo dovuto bloccare le iscrizioni per non trovarci poi in difficoltà e garantire a tutti i partecipanti il miglior servizio possibile. Per motivi di tempo e impegni lavorativi, la famiglia Chiodini non è potuta essere con noi ma "ci ha seguiti" ed ha mandato un ringraziamento rivolto a tutti i piloti. Ma l’evento non si è distinto solo per la parata in onore di Chiodo ma anche per una bellissima sorpresa….la scoprirete fra poco.

L’edizione 2017 ha raccontato tanto riguardo i suoi partecipanti, un gruppo di persone che si confronta e si conosce sul campo di giochi della pista, sempre meglio. Un rapporto umano trascinante che si estende anche fuori dalla pista e viene raccontato agli amici rendendo la manifestazione sempre più apprezzata. Anche questa volta si è assistito a tanti piloti che hanno fatto "miracoli" pur di essere presenti! Per la seconda volta il tempo non ci era favorevole con previsione di pioggia per la domenica ed invece…..Claudio Chiodini pare abbia una certa influenza con i piani alti e magicamente abbiamo registrato due bellissime giornate con temperatura mite e assenza di vento (22°), fantastico!

Ancora migliorato il collaudato schieramento dello staff con 3 persone all’accoglienza, 2 commissari di gara, un meccanico eccezionale (Michele Mattioli) che ha seguito le 3 moto test, quelle di vari piloti, i rifornimenti e i cambi gomme delle moto test, alcuni settaggi delle sospensioni e si è reso di grande supporto come i suoi colleghi predecessori. In Ducati selezionano bene i loro collaboratori! Tutte le specifiche di sicurezza erano al top con 2 ambulanze e un commissario di percorso per ogni curva oltre ad un nuovo sistema di cronometraggio e monitor di controllo tempi più ampio.

I NUMERI
Due hotel di supporto (Giardino degli Aranci e Janas), ben 50 piloti tester e 30 iscritti al Challenge, 3 moto test (2 Panigale 959 e 1 Panigale 1299S).
6 macro categorie con anche la sezione dedicata alle donne, oltre 2.330 giri di pista delle moto Challenge e 3.728 km percorsi, oltre 2.031 giri per 3.249,6 km percorsi con le tre moto test!!!!
Totale di 4.361 giri e 6.977,6 km percorsi in tutto l'evento della sola domenica.
Pilota più veloce e NUOVO RECORD ASSOLUTO DEL TROFEO: Giorgio Troisi con il miglior giro in 51.289!!!!!!
Categorie più combattute: SBK CT2 e MEDIE
Record Battuti: BEN 5. Superbike (Giorgio Troisi), Hypermotard (Umberto Troisi), Ducati Girl (Eleonora Ledda), Monster (Luca Molinari), Multimarca FC 4T (Andrea Patteri).
Direttori di gara: Paolo Caocci, Riccardo Carboni
Cadute: 1 con moto Challenge, nessuna con moto Test. Nessun danno alle persone.....alla tuta e carene si! Un motore fuori uso, 2 pause per piccoli interventi in pista.
2 fotografi impiegati: Doriano Mucelli (Video e foto), Teresa Caria (Video e foto)
Ore di attività: Domenica dalle 8.30 della mattina alle 18.30 di sera. Sabato dalle 14.30 alle 18.30.

ECCO COSA E' ACCADUTO:
E’ stato senza dubbio l’anno più divertente in assoluto! Ambiente, tempo, sorprese, moto, ecc ecc! In tanti hanno girato come forsennati e i sorrisi trasudavano di soddisfazione!! Avendo raggiunto la quota massima di piloti iscrivibili ci si è concentrati sullo snellimento delle procedure di registrazione, gestione dei box e tanti altri piccoli aspetti di dettaglio.
Grande lavoro di gruppo con organizzazione di Francesco Usai supportato da Giorgio Serci per la Logistica, Leonardo Addis, Paolo Caocci e Riccardo Carboni per le registrazioni e direzione di gara, Francesco Vacca per la parte generale. Tutto è andato perfettamente e meglio del previsto!

IL SABATO: DAY 1

L’anno scorso il detto era "Purtroppo non tutte le ciambelle riescono con il buco" e infatti aveva piovuto tanto, ma questa volta la ciambella era buona, gustosa e appena sfornata! Sole e tempo perfetto! In realtà la giornata si preannunciava soft in quanto la stragrande maggioranza dei piloti era attesa di domenica e invece i turni sono stati tutti presi d’assalto fino alla chiusura. Complice la pista totalmente libera, praticamente in esclusiva, il test day ha permesso di essere apprezzato al massimo ed in assoluto relax e serenità! Nel mentre che i piloti si alternavano sulle moto lo staff continuava ad allestire e predisporre tutto per la domenica mattina compresa la definizione delle tabelle dei turni. Lavoro che è continuato nel dopo cena fino a tardi dopo una bella bistecca / pizza in compagnia lungo piscina al Giardino degli Aranci.

LA DOMENICA: DAY 2

Sveglia alle 7.15 del mattino e già i sorrisi brillavano a colazione! C’era tanto ottimismo grazie al bel tempo ed alla bella serata precedente! Tutto lo staff si è ritrovato alle 8.30 del mattino al box indicato dalla pista per la registrazione dei piloti iscritti e l'avvio delle prove cronometrate del Challenge. Inutile dire che appena arrivati c’erano già i piloti davanti ai box che scalpitavano. Il grande lavoro di pre-registrazione e gestione della modulistica ha permesso di velocizzare al massimo le operazioni di accredito.

CATEGORIE IN GARA:
1) SUPERBIKE EXPERT
1a) SUPERBIKE CT2
1b) SUPERBIKE HISTORY (999)
2) MEDIE CT1 (748/749)
2a) MEDIE CT2 (899/959)
2b) MEDIE CT3 (848)
3) MONSTER: EXPERT
3a) MONSTER CT2
4) HYPERMOTARD
5) MULTIMARCA FC4T
6) DUCATI GIRL

Piloti partecipanti al TEST DAY (959, Panigale 1299S)

Paolo Caocci, Riccardo Carboni, Efisio Cinus, Maurizio Fanelli, Damiano Venturini, Alessandro Molino,  Leonardo Addis, Federico Aramu, Raffaele Cabizza, Daniel Concas, Alberto Puddu, Antonello Corrias, Marcello Cucca, Andrea Delussu, Francesco Frau, Eleonora Ledda, Ezio Floris, Gigi Marongiu, Fabrizio  Masedu, Luca Molinari, Giangiuliano Pattarozzi, Andrea Patteri, Claudio Pau, Simone Pistis, Diego Andrea Vacca, Giuliano Sagheddu , Giovanni Sedda, Giorgio Serci, Gaetano Trogu, Giorgio Troisi, Umberto Troisi, Antonio Ursino, Francesco Usai , Fabrizo Daddi, Valerio Corda, Simone Loi, Doriano Mucelli, Maurizio Mura, Silvia Caddeo, Andrea Murtas, Marcolino Manca, Giuseppe Porcu, Alberto Puddu, Nicola Sarigu, Carmen Collu, Daniela Saba

Piloti CHALLENGE in GARA:
Leonardo Addis, Federico Aramu, Raffaele Cabizza, Daniel Concas, Alberto Puddu, Antonello Corrias, Marcello Cucca, Andrea Delussu, Francesco Frau, Eleonora Ledda, Ezio Floris, Gigi Marongiu, Fabrizio  Masedu, Luca Molinari, Giangiuliano Pattarozzi, Andrea Patteri, Claudio Pau, Simone Pistis, Diego Andrea Vacca, Giuliano Sagheddu , Giovanni Sedda, Giorgio Serci, Gaetano Trogu, Giorgio Troisi, Umberto Troisi, Antonio Ursino, Francesco Usai , Fabrizo Daddi, Valerio Corda, Simone Loi

IL CHALLENGE - OTTAVO TROFEO DEDICATO AI SOCI E PILOTI DUCATI IN SARDEGNA E LA SECONDA EDIZIONE INTITOLATA A "CLAUDIO CHIODINI"

La procedura di iscrizione con modulistica di riserva e vari accorgimenti ha permesso una registrazione molto veloce dei partecipanti al punto che alle 9.15 Francesco Vacca e Francesco Usai aprivano e chiudevano il breafing per i piloti. Ore 9.30 puntuali partivano le moto test per il primo turno! E addirittura in anticipo iniziavano i turni anche le moto Challenge.
L’umidità era molto leggera dalla mattina e pertanto i piloti hanno potuto iniziare a sgranchirsi bene in vista del pomeriggio. Due eventi sfortunati hanno reso necessario un fermo pista prima per rottura del motore della 748 di S. Loi e poi per una perdita di olio leggera della moto di Molinari causata da un serraggio imperfetto. Dopo questi due piccoli contrattempi tutto è filato perfettamente fino all’ora di pranzo.
Solo una mezz’ora veloce di tempo libero perché alle 13.40 le moto erano già allineate ed in bella esposizione nel paddock per le foto dei piloti di rito e della di tutti i partecipanti. Dall’alto il drone riprendeva la scena fino al momento clou, la parata. Alle ore 14 i piloti erano schierati in quattro per fila fino al verde che dava inizio alla parata. Nel silenzio assoluto solo il suono dei motori si udiva in tutta la vallata di Mores. Tre giri per rendere omaggio a Claudio. Una volta fermati poco dopo il traguardo si è rispettato il minuto di silenzio e consegnata una targa ricordo al meccanico Ducati (Michele). La targa sarà pertanto portata a Bologna e consegnata alla famiglia Chiodini con un messaggio inciso e loro destinato riferito alla prima edizione 2016 del trofeo!
In tutti i piloti si leggeva la commozione negli occhi, il tempo può passare ma certi ricordi restano indelebili.
Ma proprio quando tutti pensavano fosse il momento di ripartire è arrivata la sorpresa. Il presidente Francesco Usai ha pertanto spiegato che il club è un ritrovo di passione dove ogni persona trova un suo spazio, una sorta di piccola famiglia dove poter esprimere e condividere ciò che piace, un richiamo alla vita e all’emozione al di fuori dalla quotidianità. Se poco prima rendevamo onore ad una persona che ha finito il ciclo della vita dall’altra qualcuno voleva raccontare qualcosa sulla positività del presente e del futuro della vita…..così ha preso la parola Luca Molinari che aveva, nelle settimane precedenti, preparato e concordato una sorpresa per la sua compagna.
Davanti ai piloti, come la rievocazione di uno scenario ancestrale di cavalieri che rendono omaggio e sostegno al proprio compagno, Luca ha spiegato il motivo del suo intervento per poi rivolgersi alla sua fidanzata. Parole meravigliose, provenienti dal cuore, sincere e pertanto perfette in quel momento, fino ad arrivare alla formula magica: "mi vuoi sposare"! Un applauso imponente ha accompagnato il bacio del SI!!!!!! L’anello magicamente apparso ha suggellato un momento di festa e gioia indescrivibile in un luogo insolito ma in quel momento "anche romantico" della pista. Un vassoio e due calici per i due futuri sposi ha infine chiuso la cerimonia tra canti e incoraggiamenti dei partecipanti che…..infine sono risaliti sulle proprie moto per riprendere le "ostilità".

Ciò che emerge da tutto questo è che semplici gesti, l’utilizzo del tempo a disposizione per costruire insieme qualcosa che dia a tutti la possibilità di vivere delle emozioni, a prescindere dall’obiettivo ma purché vi sia positività e animo buono…..portano sempre ad un successo!

Il pomeriggio è stato quindi caratterizzato da una intensa attività di pista in cui i piloti hanno intensificato gli sforzi per arrivare finalmente al giro veloce, spesso accodandosi uno con l’altro per tirarsi a vicenda e ottenere il miglior tempo. Vediamo come è finita!

I RISULTATI:

SBK EXPERT
1° GIORGIO TROISI
2° FRANCESCO FRAU a 2.521
Sfida a due, alieni in azione! Grande assente il dominatore delle precedenti edizioni Giorgio Lomaglio (con suo grande dispiacere costretto a saltare per motivi di forza maggiore) ci si aspettava un livellamento delle prestazioni ed invece Giorgio Troisi è arrivato all’appuntamento in forma smagliante tale da "polverizzare" il precedente record abbassandolo di ben 3 secondi e fermando il cronometro con un miglior giro di 51.289! Nettamente migliore di tutti gli altri concorrenti! Un tempo eccezionale a cui è riuscito ad avvicinarsi solo Francesco Frau che si è presentato in pista con due moto (anche una Hypermotard). Tutti gli altri piloti hanno seguito la battaglia a distanza e senza impensierire granché i due contendenti che hanno dato spettacolo. L’anno prossimo ne vedremo delle belle!
         
SBK CT2
1° FRANCESCO USAI
2° GIGI MARONGIU a 1.109
3° LEONARDO ADDIS a 2.922

Dopo gli "alieni" della expert che volavano letteralmente sull’asfalto, si arriva alla categoria SBK degli "umani" che hanno girato come forsennati, spesso insieme ed a breve distanza, per prendere confidenza con i loro mezzi. La nuova pista ha mostrato un buon grip ed una usura delle gomme minore rispetto agli altri anni anche se nelle giunture dei tratti di asfalto si è registrato qualche problema di aderenza in particolare quando si tratta di gestire oltre 200cv anche se supportati dai controlli elettronici di trazione. Migliorati i tempi della categoria in generale. L’ha spunta di un leggero margine di sicurezza Francesco Usai su un Gigi Marongiu determinato, divertito ed euforico!A breve distanza Leonardo Addis in miglioramento continuo soprattutto nel finale. Da segnalare i ben 102 giri di Usai con miglior giro al 99° e il fermo in pista di Gigi Marongiu che seguendo Usai ha fatto ben 21 giri in riserva fino a finire la benzina! Anche in questa categoria l’anno prossimo ci sarà da divertirsi! Una cosa è certa, visti i consumi di carburante delle Panigale, la prossima volta sono previste più taniche nei box!
                     
SBK HISTORY
1° GIULIANO SAGHEDDU
2° GAETANO TROGU a 3.722
3° ALBERTO PUDDU a 6.143

La 999 fa parte della storia di Ducati in SBK, una moto che probabilmente è più apprezzata oggi che allora! Una moto fisica e dura che necessità di grande lavoro da parte del pilota per ottenere il massimo risultato! Ebbene…Giuliano Sagheddu lo ha compreso alla perfezione! Aggressivo il tanto giusto e preciso ha letteralmente sbaragliati i diretti concorrenti, una prestazione da 10+! Si conferma ancora uno dei top driver! Da dire però che anche Gaetano Trogu, sebbene il distacco inganni, ha fatto un risultato eccezionale considerando che ha corso dopo aver scoperto la rottura dei paraoli della forcella anteriore e con numerosi conseguenti problemi di setting e scarso allenamento! Che dire, un eroe! Nuovo arrivato invece Alberto Puddu che si è trovato a combattere con due begli avversari senza comunque mai desistere!

MEDIE CT1
1° SIMONE LOI
2° GIORGIO SERCI a 0.369
3° FEDERICO ARAMU a 1.788

In assenza del gemello Giordano qualcuno doveva tenere alto il nome della famiglia Loi! Simone così ha preso in mano le redini della situazione portando in pista la sua "storica" 748 pur di essere nella mischia di una categoria storicamente ostica! Ebbene….l’ha spuntata su due ottimi piloti quali Giorgio Serci e Federico Aramu. Anche se fuori forma ed arrivati al Challenge senza allenamento per impegni di lavoro, hanno dato il filo da torcere a Simone che, sfortunatamente, ha purtroppo rotto il motore sul più bello. Nonostante tutto la prestazione è stata sufficiente per tenere la prima posizione! La 748 ha concluso così la sua storia con onore e nel migliore dei modi e …chissà, magari la rivedremo ancora in futuro ma con un cuore nuovo. Chissà!

MEDIE CT2

1° ANTONIO URSINO
2° VALERIO CORDA a 1.940
3° CLAUDIO PAU a 2.099

Altra categoria attesissima era la CT2 con un Antonio Ursino in formissima e accreditato di un ottimo tempo sul giro che però non è riuscito ad esprimere per battere il record di categoria di LoMaglio ormai alla sua portata. Sua comunque la vittoria con buon margine mentre dietro la battaglia era sull’ordine dei decimi di secondo. L’ha spuntata per una inezia Valerio Corda su Claudio Pau, un fotofinish a dimostrazione della competitività generale di questi piloti!

MEDIE CT3
1° GIANGIULIANO PATTAROZZI
2° ELEONORA LEDDA a 4.124
Non da meno la categoria CT3 con le 848 in gara! In assenza di Giuseppe Porcu ritiratosi per problemi fisici l’ha spuntata Pattarozzi su una Eleonora Ledda in crescendo continuo che, aiutata e trainata da Federico Aramu ha abbassato il record di categoria Ducati Girl di ben 3 secondi per poi incappare in una fortunatamente leggera scivolata alla fine del rettilineo durante la staccata. Per lei nulla di rotto e solo uno spavento che non l’ha scoraggiata. La rivedremo il prossimo anno con la sua tuta "firmata" dall’asfalto di Mores come i migliori guerrieri!

Oltre Eleonora che ad oggi è rimasta un baluardo delle donne centaure a partecipare al Challenge insieme a Silvia Caddeo e Daniela Saba, quest’anno è arrivata nel gruppo anche Carmen Collu che, proprio con noi, ha provato per la prima volta l’esperienza della pista!


MONSTER EXPERT
1° LUCA MOLINARI
2° ANTONELLO CORRIAS a 1.966
3° GIOVANNI SEDDA a 11.682

La massima categoria dei Monster ha visto una battaglia a due fra Molinari e Corrias. Il primo però ha avuto un passo decisamente migliore oltre ad essere galvanizzato dalla bellissima "sorpresa" avvenuta durante la parte finale della parata! Futuro marito, papà e bravo pilota…..risultato ottenuto al 100%! Corrias pertanto ha deciso di mantenere la posizione e divertirsi fino alla fine! Terzo gradino per Giovanni Sedda che, non può mai mancare all’appuntamento anche se meno in forma dello scorso anno! Non si può non premiare!


MONSTER CT2
1° ANDREA DELUSSU
2° DANIEL CONCAS a 4.532
3° SIMONE PISTIS a 4.712

I tre dell’Ave Maria sono tornati! Saranno il buono, il brutto e il cattivo? Tutto da scoprire! Ci erano mancati tutti insieme e a grande richiesta….i nostri "giganti" di cuore più che di altezza si sono ritrovati per vedere chi era il migliore! Grande la battaglia fino alla fine e dove Delussu ha spuntato un tempo ottimo e tale da togliere agli altri due avversari ogni velleità di battaglia ulteriore! Bella invece la sfida fra Pistis e Concas che hanno letteralmente fatto un arrivo in volata per una inezia! L’ha spuntata Daniel Concas su un Simone Pistis motivatissimo ed estremamente competitivo oltre che migliorato! Interessante la sfida con una cavalcatura più moderna! Bravissimi!       

HYPERMOTARD
1° UMBERTO TROISI
2° MARCELLO CUCCA a 2.923
3° RAFFAELE CABIZZA a 7.585       

Storicamente una categoria combattutissima ma che in questa edizione ha chiuso subito le velleità per il primo posto con un Umberto Troisi "spaziale" e capace di ottenere un tempo più da supersportiva che da Hypermotard! Assente Frau dalla categoria è toccato a Cucca prendere la scia per il secondo posto a discapito di Raffaele Cabizza che seguiva più attardato ma molto migliorato rispetto allo scorso anno! Anche Cucca però poi è stato chiamato fuori dai giochi per un problema tecnico. Potete stare certi che non si darà pervinto!

MULTIMARCA
Carenate

1° ANDREA PATTERI
2° DIEGO ANDREA VACCA
Naked
1° EZIO FLORIS
2° FABRIZIO DADDI
3° FABRIZIO MASEDU

Categoria multimarca a doppio passo con Andrea Patteri su Aprilia RSV ha girato fortissimo tenendo a distanza (ma non troppo) Diego Andrea Vacca su BMW.
Nella categoria naked la gara è stata interessante in quanto in nemmeno due decimi sia Floris che Daddi si sono alternati sul giro veloce mentre Fabrizio Masedu, sempre in miglioramento, ha comodamente preso il terzo posto godendosi lo spettacolo! Prima o poi lo vedremo affondare la zampata vincente?

L’ESSENZA DEL CHALLENGE E DEL 2° TROFEO CLAUDIO CHIODINI
Per chi ha ascoltato e compreso il messaggio di chi ha animato questo Challenge, per chi ha saputo capire per rimettersi in gioco, per chi ha compreso che Mores in quel momento ha rappresentato una sorta di tempio in cui, anche se per poco, il mondo si è fermato e tutto era concentrato tra essenza ed emozione. Si è assistito alla rappresentazione del ciclo della vita, di due emozioni nettamente differenti e distinte che possono apparire distanti ma che in realtà aprono e chiudono una successione tra la vita e la morte, un circolo che fa parte dell’universo e che va oltre lo spiegabile passando da sensazioni forti! Amore, dolore, gioia ecc ecc. Ringraziamo tutti i partecipanti che per il 12° anno hanno contribuito ad animare un giorno bellissimo! 

Tutti i piloti si ritroveranno a gennaio 2018 la premiazione e la festa di inizio anno che raccoglierà i momenti più importanti di questa stagione in un breve video.

DUCATI SARDINIA DOC STAFF