Ducati.it

Diventa socio Ducati Sardinia DOC

Ultime News

01.05.2019

Ducati Vs Vespa in pista (07/07/19)

Pista e strada, lo prima prova totale!

10 Ducati Test day & 6 Challenge 2015 - RECENSIONE

RECORD!!!!! Il Challenge che scrive la storia dei club....

Tanta l'attesa del popolo Ducati isolano a causa del tempo incerto fino all'ultimo momento, la pioggia alla fine ha graziato l'evento più desiderato della stagione regalando due giorni di test e gare memorabili! Definitivamente approvata la collaudata formula dei due giorni di manifestazione con il sabato dedicato solo ai test e la domenica sia ai test che al trofeo Challenge.

I NUMERI
Due hotel presi quasi in esclusiva, ben 48 piloti tester e 29 iscritti al Challenge oltre a un socio esterno che ha preferito non correre in classifica e 3 Panigale 1299S sempre in azione, 9 categorie con anche un trofeo tutto dedicato alle donne, temperatura ottima (min 18° - max 26° di con quasi assenza di vento), 1.512 giri di pista delle moto Challenge e 3.162 km percorsi, oltre 1.935 giri per 3.192 km percorsi con le tre moto test!!!!
Totale di 4.111 giri e 6.354 km percorsi in tutto l'evento tra sabato e domenica.
Pilota più veloce: Giorgio Lo Maglio con il miglior giro in 54.307, leggermente più alto del 2014, (anno in cui fece, 53.577) anche a causa di uno stato della pista non ottimale per il fondo e per la presenza di alcuni tratti molto rovinati.
Pilota con più giri: Antonello Corrias con 131 giri (davvero un record)
Categoria più combattuta: tre questa volta, SBK HYSTORY ed EXPERT, 3 piloti in 0.300 decimi di secondo per la prima e dove solo il cedimento delle gomme ha fermato la competizione, per la expert 6 decimi di secondo hanno diviso i due contendenti. Infine la HYPERMOTARD che ha ribaltato la classifica dello scorso anno!
Record Battuti: tre, categoria MONSTER GIRL, MONSTER (maschile) e HYPERMOTARD.
Direttore di gara: Paolo Caocci
Cadute: 1 con moto Challenge, 2 con moto Test. Nessun danno alle persone.....alle tute si! :-)
3 fotografi impiegati: Alessandro Saba, Doriano Mucelli, Teresa Caria
Ore di attività: 12,5


ECCO COSA E' ACCADUTO:
Solo alla fine di un evento come questo ci si rende conto di cosa è accaduto, sembra difficile da credere, nonostante le previsioni dessero pioggia quasi sicura…tutti i piloti si sono presentati allo schieramento senza nessuna defezione e il test day & Challenge non solo ha potuto continuare la serie RECORD del Ducati Club ma arrivare addirittura ad essere l'evento Ducati Day & Challenge più numeroso di sempre della storia dei DOC (quantomeno come club singolo, così sembrerebbe dalle statistiche)!!!!
Pesante il lavoro del Presidente e dello staff che, reduce dall'essere impiegato come staffetta ufficiale per il Ducati World President Meeting 2015 (WPM), svoltosi proprio in Sardegna, si è ritrovato quasi subito a serrare le fila di una vera e propria "schiera" di Ducatisti pistaioli provenienti da tutta l'isola.

Si è vero, la crisi economica continua, correre in pista è quasi uno sport da ricchi ma, il Ducati Sardinia DOC stà dimostrando di aver trovato una formula capace di sostenere le passioni dei piloti riducendo al minimo l'esborso economico a vantaggio della passione. Una formula che persiste nell'obiettivo di offrire un divertimento al "costo" unita alla massima trasparenza e condivisione di ogni elemento dell'evento, l'utilizzo della professionalità dei soci al fine di adoperare e supportare le varie fasi in base alla proprie attitudini, la scissione delle categorie di gara in base al tipo di moto ed esperienza privilegiando l'unione di gruppo alla mera competizione……hanno reso questa edizione 2015 qualcosa di miracoloso!
Grazie alla collaborazione degli stessi membri del club e del tam tam mediatico di aiuto tramite facebook e supporto vicendevole, all'inestimabile e fondamentale supporto di Ducati Motor Holding (attraverso la concessione di ben tre 1299 Panigale test) oltre che alla formidabile assistenza fornita dal meccanico ufficiale Alessandro Matricoli che ha sostituito lo storico Claudio Chiodini (attualmente non disponibile per problemi di salute) e la supervisione del responsabile mondiale area club Giuseppe Filippi (che da Bologna ha seguito passo per passo il nostro evento) oltre che (lo abbiamo saputo dopo) un addetto di Ducati dedicato allo sviluppo della 1299…..(non sappiamo cosa stesse visionando), è stato possibile ottenere un risultato di grande soddisfazione per tutti i partecipanti. Francesco Vacca, Paolo Caocci, Giorgio Serci, e Francesco Usai hanno curato maniacalmente ogni fase organizzativa e logistica fino alla fine.
Francesco Usai ha coordinato il team e predisposto sia la logistica che l'organizzazione con la pista e l'accoglienza piloti. Paolo Caocci ha condotto al meglio la gestione delle moto test e avvicendamento dei piloti al meglio nonostante le due cadute, una delle quali ha messo fuori gioco una delle tre moto disponibili. Francesco Vacca e Giorgio Serci hanno supportato Usai in tutti i vari aspetti utili al trasporto degli allestimenti e supporto all'accoglienza piloti. Altra componente fondamentale è stata la collaborazione dei 3 fotografi dispiegati lungo il percorso (tutti soci volontari del club) e nei box. L'autodromo stesso ha poi fornito ulteriore aiuto, come nel 2014) nell'organizzazione della parata pomeridiana delle moto Challenge e nel mantenimento degli standard di sicurezza.

IL SABATO: DAY 1
Arrivati con lauto anticipo, i piloti hanno monopolizzato 2 Hotel (Janas e il Giardino degli Aranci), prima di recarsi in circuito per il disbrigo delle pratiche di accesso al test!!! In poco tempo è stato possibile avviare i primi turni in pista anche grazie a un lavoro preventivo di informazione dei piloti e anticipazione della modulistica.
Con precisione quasi Svizzera le prime moto sono partite alle 14.30 precise senza mai fermarsi fino alle 18.30 di sera. In particolare si segnala che il sabato, generalmente riservato allo staff ed alcuni soci, quest'anno è stato letteralmente impiegato in configurazione organizzativa completa al fine di smaltire una parte delle numerosissime richieste. Da segnalare anche la presenza di uno dei rappresentanti di Luna Rossa, purtroppo ora ritiratasi dall'Americans Cup, (anche socio del club Ducati) giunto per assistere e "partecipare" all'evento. Gran finale di giornata in pizzeria per rifocillare i piloti prima della giornata impegnativa che di li a poco gli avrebbe attesi!

LA DOMENICA: DAY 2

Dopo una nottata di lavoro in cui Serci e Usai hanno chiuso gli ultimi dettagli dei turni e della gestione dell'evento, una buona colazione accompagnata da una giornata di sole hanno dato il via con la carica giusta, tutto lo staff si è ritrovato alle 8.45 del mattino al box indicato dalla pista per la registrazione dei piloti iscritti e l'avvio delle prove cronometrate del Challenge (ore 09.30) previo breafing informativo sulle norme di comportamento in pista e sulle attività che attendevano i partecipanti.
CATEGORIE IN GARA:
1) SUPERBIKE HYSTORY (prima serie "916,996,998,999, 1098)
2) SUPERBIKE SPECIAL EXPERT (special ed elaborate nel motore)
3) MEDIE 1a SERIE (749/748)
4) MEDIE 2a SERIE (848/899)
5) MONSTER GIRL
6) MONSTER
7) SBK NAKED SP (Streetfighter, 1200)
8) HYPERMOTARD MEDIA
9) HYPERMOTARD EXPERT

IL CHALLENGE - IL SESTO TROFEO DEDICATO AI SOCI E PILOTI DUCATI IN SARDEGNA

Ogni anno il livello delle moto impiegate aumenta sempre di più, molti più giovani e neofiti si affacciano a questo trofeo con entusiasmo, sempre di più la pattuglia di amanti dello sport in pista cresce e si radica costituendo una piccola famiglia che più che sfidare gli amici/avversari in gara, cerca una giornata di divertimento e condivisione di amicizia e passione attraverso le migliori condizioni possibili, ovvero un'area sicura e dedicata a questo scopo, la pista. Tanta l'euforia, i sorrisi, l'emozione negli occhi dei partecipanti nel vedere tanti appassionati e tante Ducati tutte insieme e pronte a scendere in pista! Per favorire il divertimento e lo spettacolo si è pertanto cercato di rivisitare le categorie ottenendo maggior uniformità possibile a vantaggio della bagarre rapportata all'esperienza dei piloti. La scelta è stata veramente azzeccata e la battaglia ha avuto fine solo alle 17.45 solo per l'ormai definitiva usura delle gomme.
La formula dei giri veloci ha mantenuto fede alle aspettative permettendo di mantenere ordine, sicurezza, unione di gruppo e confronto fra i piloti. Il paddock alle ore 09.30 brulicava di vita. Lo staff del club comunque vigilava su tutto e verificava costantemente la situazione.

Categoria           Pilota            
SBK 1 - SUPERBIKE SPECIAL EXPERT
1° Giorgio Lo Maglio (con anche miglior tempo assoluto)
2° Giordano Loi                           
3° Giuliano Sagheddu

Categoria massima e ben gestita da Giorgio Lo Maglio, già vincitore lo scorso anno, che ha rispettato i pronostici seppur non incisivo come nel 2014 anche perché meno in forma ed a suo agio su questa pista a causa di un minor allenamento, lo rivedremo al Mugello. Giordano Loi invece ha giocato bene le sue carte avvicinandosi molto al suo avversario ma senza mai riuscire a fare quella differenza necessaria ad impensierire seriamente Lo Maglio. Giuliano Sagheddu ha chiuso il podio con un tempo ottimo ma comunque distante dai due.
                       
SBK 2 - SUPERBIKE HYSTORY
1° Francesco Usai
2° Antonello Corrias
3° Gaetano Trogu

Equilibratissima e combattutissima fino alla fine, la più incerta in assoluto. Usai su 999S ha distaccato Corrias su 1098 Tricolore per soli 0.122 secondi e Trogu su 999 per 0.230 secondi. Un podio combattuto fino a metà pomeriggio. Infatti i tre piloti hanno fatto il possibile per fare del loro meglio nonostante alla fine le gomme fossero completamente andate. Ben 131 i giri di Corrias che vedeva per la prima volta Mores e ottimo Trogu che, seppure la sua moto avesse forti problemi di assetto, si è avvicinato moltissimo alla prestazione dei primi due. Questione di veramente…..centimetri!  Alla fine i piloti si sono ritrovati per chiudere le ostilità prima di arrivare alla tela! :-)

MEDIE 1a SERIE (748/749)
1° Simone Loi              
2° Giorgio Serci                      
3° Federico Aramu                       

Gruppo di esperti e combattenti storici! Questa volta, dopo vari secondi e terzi posti, l'ha spuntata di misura e meritatamente, Simone Loi. Con il suo 748 preparato dal fratello Giordano ha spuntato un ottimo tempo. Serci ha combattuto per un po' ma si è dovuto arrendere anche a causa delle gomme già dall'inizio poco performanti. Aramu ha chiuso il podio nonostante mancasse dal Challenge da due anni! Il suo più grande tifoso, il figlio, però non ha mancato di essere con lui in questa giornata! Mario Fadda merita una menzione in quanto nonostante si trovasse in una categoria molto serrata e seppur fuori allenamento non ha mancato di essere nella mischia!

MEDIE 2a SERIE (848/899)
1° Claudio Pau
2° Giuseppe Porcu
3° Giangiuliano Pattarozzi

Tutti nuovi partecipanti e categoria molto incerta conclusasi anch'essa nel pomeriggio ed a vantaggio di Pau che ha saputo sfruttare bene la sua 899 nonostante arrivasse in moto da Portoscuso! Incisivi anche gli altri piloti, ambedue su 848, che si sono avvicinati ai suoi tempi, talvolta avvicendando le posizioni, ma senza riuscire a far di meglio sul finale.

MONSTER GIRL

1° ELEONORA LEDDA
2° SILVIA CADDEO
3° DANIELA SABA

In particolare la sfida è stata fra le prime due agguerritissime sfidanti. Mezzo secondo di distacco le ha separate alla fine della gara. Ledda ha fatto fruttare al meglio l'esperienza dello scorso anno in cui ha corso con gli uomini. Sul finale un piccolo malore dovuto al caldo l'ha tolta dai giochi ma Caddeo non è riuscita ad abbassare ulteriormente il suo tempo. Saba ha chiuso il podio ma la sua vittoria è stata salire e testare la 1299S!!!

MONSTER
1° Andrea Delussu
2° Daniel Concas             
3° Simone Pistis
4° Giovanni Sedda

Altra categoria di grande interesse ha visto crollare un record storico che durava da 5 anni e apparteneva a Giorgio Serci che ha visto abbassare il suo record di 2 secondi anche se, ricordiamo, tale tempo venne fatto con un 620 e dopo nessuno è riuscito a far meglio. Delussu ha prepotentemente preso il gradino più alto del podio seguito da Concas, precedente vincitore, che ha rinviato al prossimo anno la rivincita. Terzo Pistis con la moto più anziana di tutto il Challenge ma che ha comunque ben figurato. Menzione per il 4° posto di Giovanni Sedda che, alla prima esperienza, ha migliorato costantemente il suo tempo fino all'ultimo giro.

SUPERBIKE NAKED (Streetfighter e Monster 1200)
1° Alessandro Molino
2° Leonardo Addis
3° Fabrizio Masedu

Vittoria meritatissima e senza storie per Molino che, anzi, si è visto fermare quasi subito, solo 12 giri a disposizione, a causa di un problema tecnico che ha limitato di molto le sue possibilità di abbassare ancora la sua miglior prestazione. Addis e Masedu hanno chiuso il podio godendosi la prima esperienza in pista a Mores e capitalizzando questo primo test per la prossima stagione!           

HYPERMOTARD (GENERALE: comprende MEDIA ed EXPERT)
1° Francesco Frau           
2° Marcello Cucca                  
3° Matteo Zucca                

Categoria numerosa, spettacolare e combattuta come per la SBK, l'ha spuntata Frau che non aveva digerito la sconfitta del 2014 per una inezia. Cucca lo ha insidiato fino alla fine con un distacco di soli 2 decimi di secondo ed avvicinandosi molto alla vittoria ma senza riuscire a far di più. Terzo Zucca, il vincitore dello scorso anno, anche questa volta molto determinato ma con una moto inferiore agli avversari. Più distaccati ma combattivi Murgia, Cannas e Cabitza che si sono divertiti fino alla fine sorpassandosi a vicenda e facendo bagarre!!

Indimenticabile il set fotografico con tutti i partecipanti organizzato nel pomeriggio con le moto schierate fronte pitlane e poi fra sia i soli piloti che tutti i partecipanti. Il tutto poi è stato chiuso con 3 giri di parata di gruppo al fine di festeggiare insieme la giornata memorabile!

Come consuetudine tutto si è concluso con grande emozione, abbracci dei partecipanti e stretta di mano dei piloti sia in pista a fine turno che fuori pista. Un ritrovo fronte box mangiando Muddizzosu e bevendo del buon vino portato dai partecipanti della zona di Dorgali ha dato la sensazione di essere tornati indietro nel tempo, a quei valori di rispetto e grande fratellanza che oggi molti ambienti hanno perso. Una ennesima festa di amici che ormai da anni portano avanti una grande esperienza iniziata nel migliore dei modi, fra adrenalina della sfida, gioia della compagnia di "gioco" e il piacere di aver archiviato un'altra giornata che resterà a lungo nei ricordi di vita, inestimabili, eterni!

DUCATI SARDINIA DOC STAFF